Home > BLOG > Consigli di comunicazione > Finanziare le campagne di comunicazione: 3 semplici consigli.

Finanziare le campagne di comunicazione:
3 semplici consigli.

E’ un problema comune delle aziende italiane… piccole e medie realtà imprenditoriali, centinaia di migliaia di aziende in Italia sonnecchiano, o perlomeno solo saltuariamente si promuovono con una comunicazione discontinua e quindi poco efficace, se non inutile.

Aziende che smettono di comunicare, interrompono
il dialogo con i propri clienti

L’Italia è tra gli ultimi paesi europei (anche in questa classifica…!) per investimento in comunicazione, insieme a Portogallo e Grecia, lontani anni luce dai paesi al top Francia, Germania e UK.

Perchè questa situazione?
La crisi è senz’altro il principale fattore che blocca gli imprenditori: “siamo in crisi, manca la liquidità… non possiamo investire in un nuovo sito o in una campagna online”.

Il classico serpente che si morde la coda: senza il nuovo sito posizionato su Google l’azienda perderà visibilità online e non riuscirà a trovare nuovi clienti che potranno dare maggior respiro al business con nuove commesse.

La comunicazione è parte integrante delle strategie che possono fare uscire le imprese d’Italia dalla crisi.

Come?

Premesso che lamentarsi continuamente della mancanza di liquidità non dà alcun risultato,  se sei un imprenditore e hai pensato di avviare una campagna online, se hai bisogno di aggiornare o rifare il tuo sito e non sai come trovare i finanziamenti, puoi seguire queste tre strade:

1) Informati su  internet: svariate sono le opportunità offerte da Regioni, Province, Camere di Commercio.
E’ anche possibile informarsi tramite il Portale Europeo per le Piccole e medie Imprese e ricercare i fondi direttamente erogati dall’UE.

2) Se invece preferisci seguire un differente iter, puoi contattare le associazioni di categoria di riferimento chiedendo ai responsabili informazioni relative a bandi per la propria categoria e per il finanziamento del proprio progetto.
Svariati sono gli enti associativi che possono supportare le aziende.

3) Se invece hai un tuo consulente o uno studio professionale che può aiutarti in questa ricerca, contattalo subito e chiedi informazioni!

Non è così difficile trovare fonti di finanziamento, l’importante è muoversi: non bisogna essere “ammanicati” o “nel giro” o “amici di…”.  Bisogna solo cercare nuove strade da percorrere, senza rimanere aggrappati alle vecchie abitudini e alle vecchie istituzioni che un tempo davano liquido con facilità esagerata a chiunque e ora hanno chiuso completamente i rubinetti (e non parlo di aziende di gestione delle acque…).