Basta con il politically correct

4 Dicembre 2013 by in category Curiosità & More with 0 and 0
Home > BLOG > Curiosità & More > Basta con il politically correct
Basta con il politically correct, se qualcuno ci lavora e si offende sono cavoli suoi, cambi occupazione piuttosto oppure non legga più i miei post.
Meglio che non legga i post nessuno, piuttosto che siano letti da chi non condivide.
È un post che non c’entra nulla con la comunicazione, ma c’entra con l’arroganza delle banche. Se non vi siete accorti di quanto siano arroganti, ve lo comunico io. L’esperienza l’ho vissuta io.
Quindi rettifico: rientriamo perfettamente nel tema ‘esperienze di comunicazione’.
Se vi danno fastidio le parolacce chi se ne frega. 
Non leggete, chiudete gli occhi.
E per favore se dovete difendere questi stronzi non scrivete, non mi interessa, il blog è mio, scrivete dove volete ma non qui.
Queste cose succedono a tutti, non solo a Alex Castelli. 
A tutti in qualunque banca, ma a me è successo in una banca in particolare.
Poco conta quale, ne ho presa una a caso.
…no non è vero.
È proprio lei.
Ci posso anche ridere sopra ma più ci penso più mi girano le palle.
Chiusa la premessa ecco la letterina…

Cara BPM di Osio… Sotto o Sopra, al sò mia…
Perchè quando io chiedo un preventivo per sapere quanto spendo con voi mi chiedete tre anni di bilanci, visura camerale, bilancino provvisorio a tutt’oggi, carta d’identità, codice fiscale?
E perchè tra tutte queste cose che volete sapere di me non ci aggiungete la lunghezza del pisello, dove vado in ferie a Pasqua, e se digerisco la cipolla o per me è meglio lo scalogno?
Sono tutte info utili per conoscermi meglio, è la prassi, no?
Chi non digerisce la cipolla è storicamente poco affidabile, in effetti.
E dopo che vi ho consegnato tutto, tranne la carta di identità (e che cazzo volete anche quella come dai Carabinieri?) non mi avete fatto il preventivo?
Cara BPM di Osio… Sotto o Sopra, al sò mia…
Ora voi sapete tutto di me e io non so un cazzo di voi.
E non ho neanche il preventivo in mano.
Bel pirla eh?
Giusto per capirci, per un semplice preventivo mi chiedete tutte ‘ste cose?
Ah dovete tutelarvi, si sa mai che i nuovi clienti non siano seri.
Penso che all’area 51 siano meno selettivi.
Lo sono di più solo nei locali da fighetti di Milano.
Cara BPM di Osio… Sotto o Sopra, al sò mia…
Se cominciassi io a chiedere informazioni?
Delle persone che lavorano da voi, del direttore?
Dai, perchè per trasparenza non mi mandate il cv del direttore allegato a quel cazzo di preventivo e mi dite con quanto si è laureato o diplomato e magari anche dove abita?
Così mi auto invito a cena una sera.
Ah non si può per la privacy?
Magari fatemi sapere quante persone hanno fatto mutui a tasso fisso consigliati da voi, quando sapevate che i tassi di interesse sarebbero crollati?
Perchè non mi dite quante bidonate avete rifilato con fondi azionisti con titoli spazzatura?
Io non posso sapere se l’avete fatto, mandatemi dei documenti che attestino che siate integerrimi, è uno scambio di informazioni, niente di personale.
Ah, come si permette lei?
Cara BPM di Osio… Sotto o Sopra, al sò mia…
Non ve l’ho detto per telefono perchè non vi siete nemmeno degnati di telefonarmi: certo, si sa mai che sia così poco affidabile, sprecare soldi per una telefonata!
Cara BPM di Osio… Sotto o Sopra, al sò mia…
Non ti conosco ancora di persona, ma mi hai già reso felice.
Felice di non aver iniziato a lavorare con te.
That’s all folks!
Come alla fine dei cartoni animati Warner.
Solo che è quasi tutto vero, a parte la richiesta della preferenza cipolla o scalogno.
Nb nota per i non madrelingua bergamaschi
‘al sò mia’ vuol dire ‘non lo so’.