Home > BLOG > Web & Social > Le nuove Pagine vetrina di LinkedIn

Da qualche giorno insieme ai miei collaboratori stiamo cercando di capire l’utilizzo delle nuove Pagine vetrina di LinkedIn che a breve sostituiranno le pagine prodotti e servizi dei profili aziendali.

Lo scopo della nostra ricerca è valutarne le potenzialità per poi integrarle nelle campagne social delle nostre aziende clienti. In pratica ci stiamo chiedendo come possano aiutare i clienti e la nostra stessa agenzia per comunicare prodotti e servizi.
 
Le pagine vetrina sono pagine aziendali simili a quelle di Facebook, che consentono aggiornamenti costanti a livello di post. Potenzialmente quindi necessitano di tanto lavoro di content management per essere veramente utili a livello di comunicazione.
Per le multinazionali, per le aziende con reparti ben definiti e progetti con dei team di lavoro strutturato, per grandi industrie che hanno notizie quotidiane riguardo i propri prodotti possono a mio avviso essere potentissimeCon le pagine vetrina si possono infatti dare perlomeno quotidianamente aggiornamenti, info, news relativamente alle attività che gravitano attorno a prodotti o servizi.
Ma per le PMI con le quali lavoro, le cui dinamiche interne mi sono ben note, questa macro suddivisione in pagine di prodotto o servizio, che dovranno essere costantemente aggiornate, come possono essere uno strumento di informazione valido?
Mi spiego, gli imprenditori per quanto possano essere dinamici, illuminati, aperti a nuove tecnologie per ampliare il proprio business, potranno mai essere tanto attivi da offrire tante notizie relativamente ai propri servizi o prodotti aziendali da poter gestire 10 pagine di approfondimento che qualcuno dovrà mantenere aggiornate, oltre alla pagina aziendale LinkedIn?

 

Per esperienza personale, quando un’azienda si da come obiettivo quello di pubblicare un post quotidiano per comunicare nella propria pagina le proprie news, curiosità, informazioni, è già uno sforzo notevole e adeguato alla propria realtà.
Se la piccola azienda dedica una risorsa interna diciamo un’ora al giorno per gestire i social, è già un enorme impegno! Medesimo discorso se a gestire questo lavoro per l’azienda è un’agenzia o un professionista, esterni alla propria struttura.

Sappiamo che per gestire i contenuti di una pagina bisogna mettere a budget una certa cifra (che di questi tempi è sempre vista come un grande sforzo economico a prescindere dall’importo!) figuriamoci se di pagine ne abbiamo dieci in più. Dieci prodotti/servizi, dieci pagine dedicate, una per servizio, da gestire costantemente con contenuti aggiornati.

 
Qualche perplessità quindi mi rimane, se faccio questi ragionamenti e l’idea principale che mi sono fatto è che queste pagine non sono state pensate per essere adeguate alle esigenze delle PMI.
Perlomeno in questo momento la penso così ma fortunatamente mi capita anche di cambiare idea…